Licenza Creative Commons

sabato 25 novembre 2017

Kastro the cat -2009

Ciao!
Oggi vi parlerò di un peluche si chiama Kastro the cat, le informazioni che sono riuscita a reperire in rete sono poche si tratta di un progetto del grafico/disegnatore, non so come definirlo, Simone Roveda che ha lanciato nel 2009. 
Come dicevo le informazioni in rete non sono molte, io quando ho acquistato il pelcuhe mi ero iscritta anche su un gruppo di facebook ma gli aggiornamenti già allora, si parla di almeno 5 anni fa,non c'erano. Anche adesso cercando il sito del peluche non c'è più, tutto questo mi fa pensare che questa linea di giocattoli non sia andata a buon fine, mi ricordo che c'era anche la voglia, ho visto un video a riguardo, di produrre altro merchandising legato a questo gatto come t-shirt e forse, qui posso anche sbagliarmi, e gadget per la cartoleria e per la scuola.

I primi ad essere prodotti però furono i peluche, davvero molto grandi di circa 20 cm, molto imbottiti  e rigidi, si tratta di due gatti: Kastro un gatto nero maschio, con lo sguardo un po' imbronciato, capiremo dopo perché e Fusha una gattina rosa sorridente


Entrambi hanno il nice touch di avere dei cuori sul grande capoccione ed i colori complessivi della serie sono il nero, il rosa ed il bianco che li rende due oggetti di design molto belli da tenere se si ama questo stile kawaii.
Sconsiglio questo prodotto a bambini molto piccoli e anche per giocarsi, mi sembrano più adatti ad adolescenti che vogliono esporli sul letto o sulle mensole della propria cameretta.

Io sono stata scettica fin dal'inizio sul presupposto da quale partiva la creazione di questa linea, non per il design che ci può anche stare, è kawaii tipo le kimmidoll, ma anche un po' freddo, piuttosto per concetto di base.

Allora Kastro the cat è un gatto castrato come dice il suo nome, in questa operazione che spesso si fa agli animali domestici maschi, si asportano i testicoli per evitarne la riproduzione. Kastro infatti dove dovrebbe avere quest' organo presenta due x rosa che spiccano molto sul suo pelo nero
Presenta, inoltre, legato ad un passante dietro un portachiavi costituito da due palline legate a due corde con anch'esse le stesse x che il povero gatto ha davanti.... mha allora quelle due palline sono quelle che prima appartenevano al gatto????!!!! O.O
Quando ho realizzato questo pensiero mi ha fatto anche un po schifo toccarle ahaha. Tra l'altro ho anche pensato di ricucirgliele, povera bestia, ma ponendogliele sul davanti sono davvero due cose brutte.

Ma analizziamo l'altro peluche che io non ho preso si tratta di una sorta di fidanzata che prende il nome di fusha, questo nome non so se mi evoca le fusa o qualcuno che è fuso di testa infatti lei come portachiavi ha udite udite un paio di forbici mmmmmm si deduce che è stata lei a castrare il suo amico/fidanzato ma perché?

Da quello che deduco spremendo molto le meningi l'avrà fatto per segnare il territorio, per dire che Kastro è solo suo ed in questo modo non può tradirla andando con altre gattine. Quindi forse questi peluche erano destinati agli innamorati per dichiararsi amore eterno infatti nell'etichetta c'è una sezione per un ampia dedica. 

Credo che cavalchino anche l'onda degli adolescenti che ci tengono a segnare le loro amicizie e i loro amori con gesti eclatanti: tatuaggi, patti di sangue, scritte sui muri, lucchetti e via dicendo.

Il pensiero di fare un peluche con un portachiavi staccabile è buona, soprattutto se viene scambiato tra due innamorati, così il portachiavi può essere sempre portato con se per sentire vicino la persona amata mentre, il peluche resta a casa da abbracciare solo in privato.

Se volete la mia opinione, a me sembrano crudeli, ed il loro messaggio non tanto positivo, perché in una storia d'amore uno deve essere succube di un altro ad un livello tale da menomarsi, o peggio, farsi menomare?  
Proprio per questo motivo io che sono un amante dei peluche, di tutti i peluche: quelli brutti, quelli vecchi, quelli rotti, quelli macchiati, quelli abbandonati, ecc. Ho deciso di  allontanare Kastro dalla mia camera prestandolo a Po perché vederlo mi metteva alquanto di malumore.

Se qualcuno vorrà spiegarmi e magari farmi vedere la questione in modo diverso sarò felice di leggere i vostri commenti, e ricredermi, magari riaccogliendo il povero Kastro su una mia mensola.

sabato 18 novembre 2017

Leonardo (giochi d'armi d'arte e potere) -Eg -1989

Ciao!
Oggi vi parlerò di un gioco che in rete è definito alquanto raro, perché  ho notato che ho moltissima concorrenza riguardo alle recensioni dei giochi da tavolo e alcune, oltre ad essere scritte meglio delle mie, parlano di giochi più belli  dei miei quindi per reggere il confronto mi sono intrufolata nelle case  e nelle soffitte delle mie amiche che hanno voluto accogliermi e mi sono messa a recensire anche i loro giochi buahahaha.

Il gioco si chiama Leonardo e come sottotitolo ha "giochi d'armi, d'arte e potere" è della EG del lontano 1989. Si può giocare da 3 a 6 giocatori ed è adatto dai 10 anni in su. La vicenda, come i soldi, i materiali e la mentalità sono collocate nel cinquecento in una città ideale che Leonardo da Vinci che campeggia enorme sulla copertina, avrebbe potuto progettare.




Lo scopo del gioco è quello di diventare signori della città eliminando tutti gli avversari o raggiungere il capitale più altro nel tempo che si è prefissato.


Contenuto della confezione


La scatola è molto grande e contiene:
  • una plancia di gioco
  • una "macchina per la sorte", cioè un marchingegno con delle palline al posto dei dadi anche se credo che era più logico mettere dei dadi che erano stati abbondantemente inventati in quel periodo
  • un mazzo di 60 carte di diverso tipo che approfondiremo in seguito
  • 20 monete di carta (fiorini) pressata in 6 tagli diversi (da 10 da 20 da 30 e da 100)
  • 20 opere d'arte sempre di cartone
  • 6 segnalini
  • 18 palline di sei colori diversi, se ne userà solo 1 di ogni colore 
  • 20 palazzi di sei colori





Preparativi


Prima di iniziare separate il mazzo di carte in: 
  • cariche pubbliche, eventi internazionali, che verranno messi sugli appositi spazi del tabellone coperti, 
  • quello degli uomini d'armi deve essere scoperto
  • distribuire un palazzo a testa a i giocatori (ATTENZIONE a non far uscire i ponti) e poi porre il relativo mazzo sull'ultimo spazio libero. 

Ognuno sceglie il proprio colore prende i la pallina ed il segnalino e li posizionerà su piazza maggiore. Inoltre posizionerà un palazzo colorato su quello indicato dalla carta, se non lo ritrovate ci sono dei numeri che vi aiutano ad orizzontarvi meglio nella città. Ad ognuno inoltre vengono dati 250 fiorini

È importante scegliere anche se si appartiene alla fazione dei guelfi (che vi ricordo sono quelli che appoggiavano il Papa e avevano i merli dei palazzi piatti) o ghibellini ( che vi ricordo sono quelli appoggiavano l'imperatore e avevano i merli dei palazzi a coda di rondine), bisogna scrivere la propria scelta politica su un foglio  porlo davanti a se. 
Le opere d'arte, infine, verranno mescolate e poste da un lato. Montate anche la macchina della sorte e tenetela pronta all'utilizzo.

Come si gioca


Si tratta di una sorta di monopoly con regole rinascimentali.
Inizia chi ha ottenuto il numero più altro gettando la propria pallina nella macchina della sorte. Si avanzerà secondo l'ordine stabilito utilizzando sempre questo aggeggio assurdo. 
Proprio come monopoloy ogni volta che si passa dal via quindi da piazza maggiore si guadagneranno 100 fiorini.

Se ci si ferma esattamente su questa casella si pesca una carta delle cariche pubbliche e si paga l'importo, sulle istruzioni non c'è scritto che si può rifiutare. Queste vengono tenute scoperte davanti a se infatti se un giocatore avversario capita proprio sulla piazza o mercato indicata da questa carta può:
  • spostare il segnalino di questo giocatore di un massimo di 5 caselle in avanti o indietro, se la carta vale 30 fiorini;
  • spostare il segnalino di questo giocatore di un massimo di 5 caselle in avanti o indietro, e rubargli una carta uomini d'arme, se il suo valore è di 50 fiorini.

Passeggiando per la città si può capitare su una casella di un palazzo che non è ancora di nessuno quindi può essere comprato, come monopoli, (questa locuzione so già che mi stuferò di usarla), oppure verrà messo all'asta, lo stesso vale per i ponti.
Naturalmente se si capita su un palazzo di proprietà di qualcun altro bisogna pagare, le rendite sono scritte sul tabellone ed invece di aumentare con la costruzione di case o alberghi aumentano con la quantità di opere d'arte presenti in quel palazzo. Queste ultime possono essere acquistate all'inizio di un turno al prezzo di 50 fiorini l'una per un massimo di 4 a turno. Queste poi verranno poste sui palazzi nei quali vorranno essere esposte per un massimo di 4 e non potranno più essere spostate.

Come in monopoly se non si hanno più soldi si possono rivendere le proprietà con le opere d'arte a metà del proprio prezzo e se non si riesce a pagare i creditori si dichiara bancarotta e si esce dal gioco.

Alcune regole aggiuntive:
  • se un giocatore possiede tutti i palazzi di un quartiere le rendite sono duplicate.
  • Se con la macchina della sorte esce 1 o 2 si può pescare una carta uomini d'arme, se ne possono tenere massimo due
          Ma a che servono queste carte? Essenzialmente si usano quando due pedine capitano nella                stessa casella. Se solo uno dei due le ha l'altro deve pagare 10 fiorini per ogni palazzo                         posseduto dall'avversario. Se le hanno tutti e due si usa la macchina della sorte. Chi ottiene il             numero più altro toglie un uomo d'arme dall'avversario, rimettendolo nel mazzo, finché uno                dei due ne rimane privo in questo caso paga il tributo detto prima.

  • Ci sono due caselle dell' immunità: il cenacolo di santa maria e la chiesa di santa croce, qui non si possono fare duelli con uomini d'arme.
  • Nelle caselle dei mercati: quello nuovo, quello grande, e quello vecchio, si apre una scommessa, ogni giocatore punta su una merce riportata a lato del tabellone: gemma, avorio, oro e spezie,  le quali sono affiancati da dei numeri. Se usciranno proprio questi usando la macchina della sorte verrà corrisposta dalla banca tre volte la puntata ai giocatori che avranno scommesso su quella merce. Se esce il balzello perditutto, numeri 4, 7 , 9 o 11 chi ha aperto il mercato prende tutti i soldi puntati ma deve pagare le scommesse vincenti.
  • Quando si capita sulle piazze: quella del papa, quella delle novità e quella dell' imperatore, il giocatore pesca una carta degli eventi internazionali, qui può uscire la dicitura niente di fatto, quella guelfi o ghibellini. In questi ultimi due casi tutti i giocatori della fazione uscita guadagnano 100 fiorini.

Variante


Il regolamento espone anche una variante di gioco con due corporazioni cioè guelfi e ghibellini che si sfidano.
In fin dei conti mi ricordo di essermi molto annoiata quando ho giocato a questo gioco a sia perché se non ci si gioca spesso le regole non si ricordano, sia perché la plancia non è di immediata lettura. È palese la difficoltà nel trovare i palazzi , per questo motivo arrivati ad un certo punto si è sempre abbandonato e detto, facciamoci una partita a monopoli che tanto è uguale.

Spero che questa mia recensione vi abbia aperto gli occhi, alla prossima :)


sabato 11 novembre 2017

Piranha panic - Mattel - 2008

Ciao!
Oggi vi parlerò di un gioco abbastanza moderno in quanto è uscito nel 2008 dalla Mattel, si tratta di Piranha panic, adatto da 2 a 4 giocatori da 5 anni in su.
Si tratta di un passatempo divertente senza troppe pretese, ero scettica nell'acquistarlo perché pensavo ci volessero le batterie, ma non è così menomale.

Se ne volete vedere la video recensione ve la lascio qui.qui.




Contenuto della confezione


Nella confezione troverete:
  • una plancia  con varie caselle girevoli in particolare, 4 file da 5 scomparti, che, da un lato sono concavi e dall'altro lato fanno uscire un minaccioso piranha di gomma arancione;
  • due piedi da mettere alla plancia;
  • una testata da mettere sempre alla plancia, non è un pezzo indispensabile del gioco ma vi fa entrare meglio nell'atmosfera;
  • un cassetto da porre inferiormente al pezzo centrale;
  • un dado con un simbolo di un piranha, un pesce blu, due numeri 1 e due numeri 2;
  • 12 palline di 4 colori diversi con in rilievo un pesciolino;
  • quattro biglie trasparenti con dei piranha disegnati dentro.








Preparativi


Una volta montato il tabellone, operazione molto semplice e sbrigativa, prendete 3 palline di uno stesso colore, questi saranno i pesciolini che dovrete portare in salvo, poneteli nella vasca in basso al tabellone.

Come si gioca


Il vostro fine sarà quello di far risalire il fiume fino ad arrivare, anche con un numero non esatto, nel vano che si trova in fondo.


Nella parte superiore del tabellone vedete anche una botola arancione attivata da una leva, io di solito qui ci sistemo le quattro palline dei piranha così da non ritrovarmele in giro per il tavolo e non corro il rischio che cadano e si perdano.

Il gioco è semplicissimo da imparare, tirate il dado ed avanzate del numero uscito con un vostro pesciolino, potete far entrare in gioco anche tutte le vostre palline. È importante sapere che le mosse possono essere fatte solo in verticale ed in orizzontale e NON in diagonale. Quelle in orizzontale essenzialmente vi servono per sorpassare una pallina sia vostra che avversaria perché una regola dice che le palline non possono essere saltate.

Potrebbe essere una tattica quella di piazzare le vostre palline a mo di ostacolo per rallentare l'avanzata degli altri. Se vi dovesse uscire, in seguito ad un lancio del dado, il pesciolino azzurro questo lo si può considerare come uno zero quindi dovete rimanere fermi se invece vi esce il piranha  dovete tirare di nuovo il dado ed a seconda del numero che vi esce sistemate sulla botola superiore il numero corrispondente e tirate la leva




Se vi esce un altro piranha dopo il secondo lancio del dado dovete mettere tutte e quattro le biglie. Queste non fanno nient' altro che, come rotolare verso il basso, urtare le pinne sporgenti dei piranha nascosti. Se si trova una pallina su una casella faranno si che questa si ribalterà e cadendo torni  al punto di partenza. 
Quindi rigirate le caselle con i piranha in modo tale che ci siano solo caselle blu e continuate la partita. Il vincitore sarà colui che per primo porta tutti e tre i pesciolini in salvo, ma mi pare che questo già l' avevo detto ma repetita juvant.

Spero che questa mia recensione vi sia stata utile, alla prossima :)


sabato 4 novembre 2017

Bejeweled -Hasbro/popcap - 2013

Ciao!
Oggi vi parlerò del gioco Bejeweled edito dalla hsabro nel 2013 è adatto da 8 anni in su per 2-4 giocatori.
Se volete vere la video recensione ve la lascio qui.



Ho sempre visto questo gioco nei negozi di giocattoli e nei supermercati e mi ha attratto per i suoi molteplici diamanti trasparenti che si potevano scorgere dalla confezione ma sono stata sempre scettica sulla giocabilità.
Infatti si tratta di una trasposizione di un gioco per cellulare, cioè un app a cui io non ho mai giocato ma penso sia un rompicapo tipo candy crash in cui devi far sparire diamanti. Sulla scatola infatti c'era scritto che nel gioco c'era anche un codice per acquistarne una versione più nuova.




La scatola che ho comprato io è usata quindi non aveva tutti quei diamanti belli ordinati tenuti fermi da una plastica ma era un campo di battaglia. Nella confezione, leggendo le istruzioni doveva esserci un sacchetto da dove pescare i diamanti ma, nel mio, non c'era quindi non vi so dire la forma la grandezza il colore e la qualità, penso che se lo hanno sostituito non fosse molto resistente ma potrei sbagliarmi, se qualcuno ha indizi sul sacchetto me lo dica. 

Non mi piace quindi la confezione perché una volta tolto il packaging d'imballo risulta essere sciatta e brutta con quella finestra trasparente che mostra solo cose disordinate messe dentro.

Un'altra riflessione che voglio fare è che questo è un gioco che vuole essere dedicato ad un pubblico prettamente femminile e non mi sembra il caso anche perché io l'ho ricomprato da un bambino maschio, perché mettere sul retro solo delle ragazze che giocano perché scrivere il regolamento tutto al femminile? 


Contenuto della confezione


Nella confezione troverete:
  • una plancia di gioco bianca quadrata
  • un sacco di diamanti di 7 colori (giallo, arancione, rosso, verde, blu, fucsia, e trasparente)
  • 7 gemme che sono dei diamanti con dentro dei glitter
  • dei gettoni colorati in plastica degli stessi colori dei diamanti. questi sono carini, fatti bene, ogni colore ha un disegno in rilievo ma se non vengono messi in una bustina si perdono. La Hasbro non poteva pensare ad un posto dove riporli?




Preparativi


La prima cosa da fare è sistemare i diamanti sulla plancia da gioco fino a quando tutti gli spazi non saranno colmati. Fate attenzione a non mettervi le gemme e a non mettere 3 diamanti dello stesso colore in fila.
Riponete gli altri nel sacchetto.


Come si gioca


Il giocatore di turno, spostando due diamanti vicini, deve creare una fila di almeno 3 diamanti dello stesso colore. Questo vuol dire che deve togliere un diamante dalla plancia e farne scorrere un altro al suo posto. La mossa può essere fatta solo se si crea una o più file di diamanti uguali in orizzontale o in verticale.  


Questi diamanti si tolgono dal gioco, si prende un gettone del rispettivo colore e si spostano tutti i diamanti verso l'altro. Per questo motivo si consiglia di porre un giocatore a ogni lato del tabellone o assegnare ogni lato ad un giocatore così si saprà dove spingere i diamanti rimasti. Se in questo caso si forma un altra combinazione si toglierà dal gioco si prenderà il gettone e si spingeranno i diamanti.


Prima di finire il turno si pescheranno dal sacchetto tanti diamanti quanti mancano per riempire di nuovo il tabellone e si rimetteranno quelli eliminati nel sacchetto. Quando si metteranno questi nuovi diamanti bisognerà fare attenzione anche non si formino file di 3 o più diamanti uguali.

 

Dal secondo turno in poi potranno uscire anche le gemme se si farà una combinazione con le gemme si prenderà un gettone in più. Quindi se si farà una combinazione di 2 diamanti ed una gemma dello stesso colore si prenderanno 2 gettoni invece che 3.
Altre combinazioni che possono essere fatte sono 4 gemme uguali: 2 gettoni o 5 gemme uguali 3 gettoni.
Ma quando si vince? Quando un giocatore riesce a fare 3 combinazioni di 3 gettoni di 3 diversi colori.


È un gioco carino ma credo che ci siano troppi tempi morti nel sistemare le gemme nel rimuoverle nello spostare e nel risistemarle pescandole dal sacchetto. Non ha senso fare un gioco da tavolo di un app che funziona bene.

Alla prossima :)