giovedì 2 maggio 2024

Fuorisalone: il gioco della game design week di Milaino

Ciao, oggi vi parlo di Fuorisalone il gioco Crano Creations ideato insieme a Studiolabo pche racconta la Milano Design week che ogni anno si svolge nel mese di aprile con tanti eventi in giro per la città.

Sono la persona meno adatta di parlare questo gioco perché non sono mai stata a Milano e non sono un'esperta di design. Mi piacciono gli oggetti creati da architetti che hanno una linea particolare e sono curati dal punto di vista non solo funzionale ma anche del loro aspetto, ma non ne conosco molti, mi limito a quelli mainstream.

Perché questo gioco è nella mia collezione? Lo vendeva Dal Tenda e dovevo arrivare alla cifra per avere le spedizioni gratuite, però, devo dire che ho fatto una buona scelta. A me è piaciuto per questo ve lo consiglio anche se non conoscete né Milano né il Fuorisalone.

Se volete vedere la videorecensione del gioco la potete trovare qui di seguito.


Contenuto della confezione

I materiali di Fuorisalone sono semplici ma belli, ci sono carte, gettoni e segnalini in legno. Il design è molto curato, non per niente è un gioco sul design. Nello specifico nella scatola si può trovare:

  • un tabellone
  • carte location
  • carte obiettivo con una combinazione di oggetti di design e sul retro un punteggio
  • carte icona
  • carta primo giocatore
  • carte recap regolamento
  • gettoni neri movimento
  • gettoni con punteggio
  • segnalino giornata
  • segnalino fase
  • pedine dei singoli giocatori
  • indicatori evento.


Setup

Il setup è uno dei pochi difetti del gioco in quanto è un po’ lungo. Mettete un gettone movimento, quelli neri, su ogni casellina del tabellone. Divide tele carte obiettivo a seconda del punteggio e mettere ogni mazzetto nello spazio dedicato del tabellone, quindi girate la prima di ogni mazzo.

Mescolate le carte location e scopritene una su ogni spazio vicino all'indicazioni delle fasi della giornata. Quindi ponete un segnalino arancione sullo spazio della mattina, uno verde sulla casella del pomeriggio e uno blu sullo spazio della sera. Fatto questo potete porre i rispettivi segnalini sulle location degli eventi che sono stati scoperti.

Mettere il segnalino giornata (today) sopra lo spazio day 1 in quanto la vostra partita durerà 6 giorni, in ognuno dei quali si alterano mattina, pomeriggio e notte.  Poi ponete il segnalino fase nella prima fase del giorno cioè la mattina.

Tenete a un lato del tavolo i gettoni punti e ogni giocatore sceglierà una pedina e la metterà sullo spazio start al centro del gioco.

Ogni giocatore riceve:

  • 1carta riassunto
  • una carta icona causale, che io non ho ma capito a cosa servisse prima di aver letto gli esempi, di solito non li leggo mai gli esempi perché mi pare sempre di aver capito, quindi questa cosa la potevano spiegare meglio
  • una carta obiettivo dal valore 12 senza rivelarne il contenuto

Il giocatore che per ultimo è andato al Fuorisalone riceve la carta primo giocatore.

Come si gioca

Nel gioco, come nella realtà, dovrete cercare di visitare quanti più eventi possibile per prendere punti che poi vi aiuteranno a conquistare carte location che, a loro volta, vi faranno guadagnare carte obiettivo, alla fine chi, tra tutte queste cose, prese riesce a fare più punti sarà il vincitore.

Come accennato, il gioco permette di riproporre le differenti giornate del Fuorisalone. Solo nel turno della mattina ogni giocatore ottiene due gettoni movimento poi potrà scegliere quali tra queste azioni svolgere:

  • Stare fermo
  • Spostarsi: si può decidere se andare in una location adiacente collegata con una linea oppure, se ci si trova su una casella con la metro, andare in qualsiasi altra fermata. Se si arriva in una casella con un gettone questo si deve prende
  • Fare un'ulteriore mossa, che si potrà fare usando 3 gettoni movimento

Se dopo questa fase il proprio segnalino si trova in una location con un evento che si svolge proprio in quella fase della giornata, psi renderà la carta di quell’evento e ne girerà un’altra dal mazzo. Sulla nuova location verrà spostato il segnalino. 

Se dopo questa mossa si ha una combinazione che  permette di prendere una casta obiettivo la si può mettere davanti a sé consegnando le tue carte location. La carta icona aiuterà a fare queste combinazioni.

Il turno del pomeriggio e quello della sera si svolgono ugualmente a quello della mattina ma all'inizio del turno stesso non si ricevono i due gettoni neri.

Quando si arriva alla fine della giornata, quindi alla fine del turno di notte si possono guadagnare ulteriori punti vittoria

  • se la propria pedina si trova in una location in cui sono presenti 1 o + indicatori evento si ha un punto vittoria extra per ogni indicatore. 
  • Se ci si trova in una location extra, zona bordate in giallo, guadagna 2 punti per ogni indicatore presente in una zona extra zona. Questi punti verranno segnati con gli appositi gettoni, quelli gialli.

Poi si comincia un'altra giornata, quindi, si sposta l’apposito indicatore e si ricomincia dal giorno.

Quando finisce la settimana:

  • Si scarta la carta da 12 punti se non si può ottenere, altrimenti si tiene scartando i rispettivi simboli presenti sulle carte evento
  • si guadagna 1 punto per ogni location che si possiede
  • si sommano i punti dei gettoni gialli

Vince chi avrà più punti.


Impressioni

Le impressioni su Fuorisalone sono certamente positive, bello il design, i materiali e i meccanismi di gioco. È piacevole giocarlo sia in 2 sia nel massimo numero di giocatori cioè 4. Il gioco vi lascia molto liberi di fare la vostra strategia, quindi spostarvi in modo intelligente sulla plancia, prendere carte che possono aiutarvi a chiudere un obiettivo, oppure mettervi vicino a una location in cui ci sarà un evento nella prossima fase della giornata. Anche se non conoscete Milano e il design, come vi dicevo, lo apprezzerete. Un plus sta nelle mini espansioni che si trovano sul sito del Fuorisalone (https://www.fuorisalone.it/gioco/), ce ne sono ben 3 da stampare ritagliare e giocare subito. Inoltre scansionando i QR code presenti sulle carte location avrete delle informazioni aggiuntive sui vari luoghi che visiterete virtualmente e ognuno di questi vi fornirà una regola opzionale da applicare. 

I contro del gioco sono la scatola pesane, non pratica da portare in giro, il tabellone molto grande, quindi, dovete necessariamente avere un grande tavolo, e l'assenza di divisori o bustine nella scatola che vi farà impiegare un tempo ancora maggiore nel ritrovare i pezzi e fare il setup. 


Voi avete mai giocato a questo gioco? Siete mai andati al Fuorisalone di Milano? Fatemelo sapere in un commento :)

NB: tutti i link presenti nella pagina che riportano ad Amazon sono link affiliati questo vuol dire che se effettuerete un acquisto seguendo un link a voi non cambierà niente ma a noi arriverà una piccolissima percentuale che ci consentirà di portare avanti questo blog acquistano nuovi giochi. Grazie ❤️

mercoledì 1 maggio 2024

Tic Tac toe o tris: storia e tutte le varianti del gioco

Ciao, oggi vi parlo del tris, un gioco di carta e matita astratto per 2 persone che Viene definito un gioco a informazione completa in quanto ogni giocatore ha tutte le informazioni sul contesto e sulle possibili strategie degli avversari, ma non necessariamente sulle sue azioni (per approfondire vi consiglio di visitare la pagina di Wikipedia).

Un po’ di storia

I primi giochi su tabellone che prevedevano di mettere in fila tre pedine sono stati inventati nell’antico Egitto. Questo passatempo, poi, è stato ripreso dai romani e venne tramandato, generazione dopo generazione, in tutte le parti del mondo, ad ogni passaggio ognuno ha apportato delle modifiche, questo è il motivo per cui ce ne sono tante varianti.

Il tris fa parte anche della nostra cultura, infatti, negli anni '80 in TV cera il gioco dei 9, che è stato riproposto anche nel 2004 e attualmente lo si può vedere su TV8. Era un format inventato in America che prevedeva uno studio con un mega tabellone, ogni spazio era occupato da un personaggio famoso. Ogni serata si sfidavano due concorrenti che dovevano dire se le risposte date dai VIP erano vere o false e, in questo modo cercare di fare tris. 

Come si gioca a tris

Il gioco del tris consta di una griglia quadrata 3x3 che in tutto ha 9 caselle. Ogni partecipante sceglie un simbolo, di norma un cerchio e una croce, che al proprio turno segnerà in uno specifico spazio. Chi riesce per primo ad affilare 3 simboli uguali in orizzontale, verticale e diagonale ha vinto. Una partita può finire anche in parità se la bravura dei giocatori si eguaglia. 

Tris è un gioco che funziona benissimo su carta e matita ma, malauguratamente ne hanno fatto tantissime versioni fisiche, anche io vi devo confessare che ne ho una, che giace in una scatola da quando me l'hanno regalato. Dato il numero "limitato" di posizionamenti il tris viene spesso utilizzato per fare degli esercii di programmazione, infatti, ne hanno fatto anche differenti versioni digitali. Attualmente, però vi basta un cellulare per giocarci infatti, scrivendo "tris" su wilkipedia vi uscirà una plancia dove potete sfidare il PC e selezionare anche il livello: facile, medio o difficile



Naturalmente come tutti i giochi astratti anche questo ha delle strategie. Sono stati fatti degli studi su quale fosse la posizione più conveniente dove mettere il proprio simbolo a inizio partita per vincere e anche come sistemare i propri segni per trionfare sull'avversario. La strategia più conosciuta è la forchetta che prevede di mettere tre segni quasi a formare un triangolo così da avere una doppia possibilità di fare tris senza che l'avversario possa fermarvi. Per approfondire questo argomento vi lascio al sito di Wikipedia che ho citato in precedenza. 

Super Tris: la variante del tris più bella

Ultimamente mi sono imbattuta nel super tris e sono rimasta affascinata, cioè è u gioco davvero carino e che vi farà camminare un sacco la testa. Io ci gioco in questo sito https://tictactoefree.com/it/super-tris/ (non lo stiamo sponsorizzando lo citiamo solo perché ci siamo trovati bene). Qui potete giocare sia da soli contro il PC scegliendo la difficoltà oppure in due giocatori se siete vicini. Se siete degli appassionati del cartone Craig of The Creek vi ricorderete senza dubbio la puntata in cui Craig sfida Bambinone, capo del casinò, proprio a super tris. Se non conoscete Craig of the Creek male, vi consiglio di approfondirlo e quando anche voi vi sarete appassionati potete scaricare il nostro gioco gratuito a tema che trovate a questo link: https://lasoffittadilaalaaepo.blogspot.com/2023/10/craig-of-creek-il-gioco-da-tavolo.html

Super tris si gioca su una griglia 3x3, in ognuna delle 9 caselle è disegnato, a sua volta, un tris, quindi sarete chiamati a giocare 9 partite di tris contemporaneamente. Potete giocarci anche con carta e matita ma vi consiglio la versione online, soprattutto se siete alle prime armi perché sarà il programma stesso a indicarvi il quadrato dove dovete apporre il vostro simbolo. 

Infatti, il primo giocatore colma con il suo simbolo una delle caselle di uno uno qualsiasi dei tris. La casella segnata indicherà all'altro giocatore la casella dove dovrà giocare. Ad esempio se il primo giocatore mette il suo simbolo nella casella centrale del tris che si trova nella casella in basso a sinistra il giocatore successivo dovrà giocare nella casella centrale. Quindi si verrà rimbalzati da una casella all'altra e quando qualcuno farà tris conquisterà l'intera casella. Quando si viene rimandati in una casella già conquistata si potrà apporre il proprio simbolo dovunque si vorrà.

La partita finisce quando uno dei due giocatori riesce a fare tris nel tabellone grande.

Tutti i giochi che derivano dal tris

Attualmente in commercio ci sono differenti giochi derivati dal tris, alcuni sono quasi uguali all'originale, altri molto differenti. In questo paragrafo ve li racconto senza mettervi le foto ma le potete trovare nella video recensione qui di seguito. 

ì

Tris 3D o tic tac toe 3D, sarete chiamati a giocare a tris su 3 o 4 plance sovrapposte, in alcune queste sono trasparenti così da permettervi di vedere più chiaramente quando state facendo tris disponendo i vostri pezzi sui vari ripiani. Potete giocarci anche con carta e matita ma dovete fare uno sforzo non indifferente a immaginarvi i pezzi disposti sui vari livelli. In alcune versioni non dovrete affilare 3 pezzi ma 4 e potete giocare anche in 3 persone, un esempio di ciò è Space Lines o Linee spaziali dell'Invicta inventato negli anni'60 ma arrivato nella nostra penisola negli anni'80. 

Una variante del precedente codificato con il nome di Sogo ma si può trovare anche senza marca. La maggior parte delle volte è in legno e prevede delle perline di due colori che devono essere incastrate su delle asticelle, non si può scegliere il livello dove farle fermare, per cercare di fare delle combinazioni di 4 perline dello stesso colore in verticale, diagonale od orizzontale. 

Toss across introdotto nel 1969 da Ideal Toy company. C’è un tabellone con caselle basculanti e girevoli che non devono essere ruotate a mano ma lanciando piccoli sacchetti pieni di fagioli, inducendo una casella a girare e cercare di affilare 3 simboli uguali, possibilmente i propri.

Gobblet del 2001 si gioca su un tabellone 4x4 ognuno ha 12 pezzi dello stesso colore ma di dimensioni differenti, quelli più grandi possono essere spostati su quelli più piccoli anche di un altro colore. Esiste anche gobblet Junior su un tabellone 3x3. Un gioco simile a questo si chiama Otrio che invece che delle componenti a cupola ha semplicemente dei cerchi grandi o piccoli, ma il principio è sempre lo stesso.

Terxo, prodotto in Italia ha dei dadi colorati con X, cerchi e un puntino, dovete impilarli a formare un cubo e vince chi riesce a fare un maggior numero di tris con il proprio simbolo. In questo gioco sarà l'avversario, di volta in volta a fornire al giocatore di turno il pezzo che dovrà sistemare. Questa regola viene condivisa anche da Quarto un gioco astratto in cui affilare pezzi di differente altezza, colore e forma. Bisogna cercare di affilarne 4 che hanno una medesima caratteristica.

Se conoscete altri giochi che derivano dal tris scrivetelo in un commento, alla prossima:)

NB: tutti i link presenti nella pagina che riportano ad Amazon sono link affiliati questo vuol dire che se effettuerete un acquisto seguendo un link a voi non cambierà niente ma a noi arriverà una piccolissima percentuale che ci consentirà di portare avanti questo blog acquistano nuovi giochi. Grazie ❤️

o sc

martedì 30 aprile 2024

Tabu nel mondo dei parchi: un gioco da tavolo sui parchi di divertimento

Ciao oggi vi parlo di un gioco che unisce due mie grandi passioni: i giochi da tavolo e i parchi di divertimento, si tratta del gioco in scatola Tabù nel mondo dei parchi


Sicuramente questo non è il primo e nemmeno ultimo gioco da tavolo che coniuga questi due mondi, tra quelli vintage si può citare Eurodisneyland della MB del 1992 ma ci sono anche dei prodotti più moderni come meeple land e altri che vi ho citato nel video di questo gioco che potete trovare qui di seguito. 


Un po' di contesto

Come per i giochi da tavolo e i giocattoli, anche per i parchi di divertimento sono appassionata di quelli vecchi, che hanno una storia e, magari, preservano ancora qualche attrazione anni'80 e '90. Questo è molto difficile in quanto questi posti tendono sempre a rinnovarsi per attirare sempre più pubblico e fornire esperienze sicure e sempre più immersive ai visitatori.

Per questo motivo, siccome molte attrazioni di una volta sono, oramai state rimosse sono sempre alla ricerca di libri, meglio se fotografici, che mi possano far rivivere le atmosfere di un tempo senza effettivamente averle vissute. Nella mia ricerca mi sono imbattuta nel libro "Nel mondo dei parchi" di Giorgio Tauber, che è stato il primo manager di Gardaland. Questo libro mi ha conquistata tanto che ne ho due esemplari. Questo è stato il motivo che mi ha spinto a comprare anche la sua altra pubblicazione a tema parchi "Tabù nel mondo dei parchi", in realtà me l'ha regalata Po.


Peccato che qualche annetto dopo è uscito il gioco da tavolo che si vendeva solo ed esclusivamente con il libro, quindi ho temporeggiato prima di acquistare il pacchetto completo per evitare dei doppioni. Poi, però, Vinted è venuto in mio soccorso e mi ha permesso, anche con un ottimo prezzo, di acquistare Tabù nel mondo dei parchi il gioco da tavolo con il libro, quindi anche questa volta ne ho due.

Se anche voi siete appassionati dei parchi a tema di una volta vi lascio i link di due post che ho scritto sulle memorabilia dei parchi italiani ed esteri che ho visitato nella mia infanzia:

Tabù nel mondo dei parchi il libro

Questo libro rispetto all'altro "Nel mondo dei parchi" non presenta foto ma bellissimi disegni fatti da Bruno Prosdocimi che accompagnano il lettore nella vita di Giorgio Tauber narrata come se fosse una fiaba. A condurci tra le pagine del libro è Tabù l'alter ego di Tauber che ci accenna ad alcuni retroscena della sua vita che sono connessi al mondo dei parchi ma non ci dice molto. Tutto il libro è un po' generico ma gradevole, anche se avrei preferito una narrazione più organica evitando i salti temporali che a volte ci sono. Trovo questo modo di narrare interessante ma a volte un po' sconnesso, quasi sognante, quindi il lettore che desidera acquisire più informazioni rimane un po' interdetto perché vorrebbe conoscere qualcosa in più. Oltre la sua vita tra le pagine di questo libro si parla anche di parchi di divertimento di tutto il mondo che, naturalmente, devono essere approfonditi.

Il gioco

Si tratta essenzialmente di un gioco di percorso con le domande che potete giocare da 2 a 4 giocatori o squadre.

Il tabellone è molto grande con dei disegni molto belli e presenta lo spazio per mettere le carte e i tablotti la valuta del gioco. Siccome lo spazio nelle caselle è molto piccolo l'autore ha pensato di mettere gli imprevisti all'interno del mazzo quindi potrebbe succedere che invece di rispondere a una domanda potrete ritrovarvi a dover saltare un turno, ad andare avanti di due caselle o anche a tornare al via.

Prima di iniziare riceverete 25 tablotti, la valuta del gioco, che vi servirà ad avere qualche aiuto quando non sapete rispondere.
Al vostro turno tirate il dado e avanzate, a seconda della parte di percorso dove vi trovate, dovete rispondere a una domanda dei parchi Europei o di quelli di America e Asia. 
  • Se indovinate ricevete 5 tablotti
  • Se sbagliate perderete il prossimo turno. Per evitare questa penitenza potete pagare 10 tablotti.
Qualora, dopo aver letto la domanda, vi accorgete che non sapete la risposta per 5 tablotti avete 2 clessidre per trovare l'info su internet o sul libro oppure, sempre per 5 tablotti potete cambiare carta.

Chi riesce ad arrivare per primo all'ultima casella della plancia vince.


Impressioni

Questo gioco l'ho tanto desiderato quindi i miei sono solo dei consigli per migliorarlo e non delle critiche. 
Per far vedere che si sta facendo un giro intorno al mondo e per mescolare anche un po' le domande avrei preferito avere sulla plancia un planisfero. Avrei utilizzato gli amici di tabù un po' più nel gioco ad esempio avrei fatto dei segnalini con le loro sembianze o delle carte da consegnare ai giocatori, ognuna delle quali poteva dare un potere speciale. Inoltre avrei fatto i tablotti come le banconote del monopoli così che potessero essere maneggiate meglio e ne avrei date meno.
Tabù nel mondo dei parchi è un gioco molto semplice ma può appassionare chi già è amante dei parchi di divertimento, chi non è addentro a questo mondo potrebbe sentirsi frustrato a non sapere di cosa parlano le carte. Il numero di domande è alto ma non altissimo quindi cercate di riporre le carte sempre sul fondo del mazzo per non vedervi riproposte le domande.

Voi avete provato queto gioco? Fatemi sapere in un commento cosa ne pensate 

L'isola dei famosi 3: forse il peggior gioco che abbiamo mai giocato

Ciao, oggi vi parlo di uno dei giochi da tavolo più brutti a cui io abbia mai giocato si tratta dell'Isola dei Famosi 3. Fa parte del filone dei giochi da tavolo ispirati alle trasmissioni televisive ma questo non ha proprio senso in quanto non è come quelli in cui potreste divertirvi rispondendo a domande o  enigmi e facendo finta di vincere dei veri soldi. In questo caso, invece, dovrete solo spostare avanti e indietro segnalini che sembrano tutti uguali tirando una pletora di dadi.

Il fatto che si chiami Isola dei famosi 3 dovrebbe farvi inorridire, in quanto questo vuol dire che potrebbe avere dei predecessori. In particolare ho trovato l'Isola dei famosi che, guardando i partecipanti, sembra relativo alla seconda edizione e poi un gioco del 2015 chiamato sempre l'isola dei famosi in cui non si fa riferimento a personaggi specifici. La meccanica di quest' ultimo sembra sia stata un po' modificata rispetto a questo di cui vi parlo ma non avendolo provato non posso dirvi la mia. 

Qualora vogliate vedere la video recensione de l'isola dei famosi 3 ve la lascio qui di seguito.

Contenuto della confezione

All'interno della scatola troverete:

  • un piano di gioco diviso in pezzi che dovete montare cercando di far combaciare tutte le sezioni
  • delle carte divise in 1°,  2° e 3° classificato e quelle denominate isola dei famosi
  • 12 dadi
  • dei gettoni
  • dei segnalini di cartone con il faccione dei personaggi e una basetta che serve per tenerli in piedi.

Setup

Dopo aver montato la plancia sistemate tutti i segnalini sul punto di sbarco, che si trova in un angolo. Tenete i gettoni e i dadi a portata di mano e mescolate le carte isola dei famosi. Fate pescare a ogni partecipante una carta dal mazzo 1°, 2° e 3° giocatore che dovranno tenere celate fino alla fine della partita.

Come si gioca

L'isola dei famosi 3 è un gioco Editrice Giochi in collaborazione con la Rai e Magnolia adatto da 3-6 giocatori dai 12 anni.

Si tratta essenzialmente di un gioco legato al lancio di dadi: dovrete  esclusivamente tirare i dadi e portare avanti e indietro le pedine sul percorso che rappresenta la popolarità dei concorrenti. Le decisioni che dovrete prendere saranno pochissime l'unica cosa che sarete chiamati a fare. Il gioco dura  ben 9 settimane ognuna delle quali è suddivisa in 7 giorni. In totale quindi avrete 63 turni noiosi di gioco.

Ogni giorno della settimana ci sarà qualcosa da fare che si ripeterà ciclicamente.

1° giorno

Tutti i segnalini verranno fatti girare in senso orario, ciò indica un crescere della loro popolarità. Le posizioni di cui dovranno spostarsi dipendono dal lancio del dado. Dopo che avrete spostato il personaggio mettete il dado sulla sua faccia al centro del tavolo per ricordarvi che l'avete già mosso.

2° giorno

Evento casuale, quindi pescate una carta dal mazzo isola dei famosi che vi dirà cosa fare

Essenzialmente si tratta di eventi che fanno crescere o diminuire la popolarità dei famosi, basta vedere se la mano presente sulla carta ha il pollice alzato o verso per capire se dovrete spostare i segnalini in senso orario (popolarità) o antiorario (perdita di popolarità). Oltre a questo la carta stessa, con un complesso connubio di simboli, il cui promemoria presente sulla plancia di gioco vi consentirà di decifrare, vi dirà se tirare più o meno dadi e coinvolgere più o meno giocatori.

3° giorno

Questa è una giornata in cui tutti i famosi perdono di popolarità, quindi, sempre con il medesimo meccanismo di lancio del dado, verranno fatti muovere in senso antiorario sul percorso della popolarità.

4° giorno

Evento causale, come nel 2° giorno si deve pescare una carta dal mazzo e seguire le istruzioni che contiene.

5° giorno

Si partecipa alla prova immunità. Ogni giocatore sceglierà un personaggio e per lui lancerà un dado. Quando tutti i personaggi avranno un dado sul loro faccione si fa lo spareggio tra quelli che hanno il punteggio più altro e, alla fine, il vincitore non potrà essere eliminato

6° giorno

Un altro evento casuale, bisogna pescare una carta isola dei famosi e vedere cosa dice.

7° giorno

Nominaton e voto del pubblico, gli ultimi due personaggi che si trovano sul percorso della popolarità potranno essere eliminati. Questo verrà fatto con il lancio del dado, chi ha ricevuto il numero più basso  verrà allontanato dal gioco.

Alla fine della nona settimana scoprirete i 3 concorrenti che sono arrivati rispettivamente primo, secondo e terzo. Tutti potranno scoprire le proprie carte, chi ha proprio il vincitore nella sua carta 1° classificato vincerà. Se questa ipotesi non si realizza vince chi possiede esattamente la carta del 2° classificato e se non si realizza nemmeno questo vince chi ha la carta del 3° classificato. Se nessuna di queste ipotesi si verifica si fa un controllo incrociato e si vede chi ha il personaggio che si è classificato più in alto in classifica anche se non corrisponde alla posizione della carta. 




Impressioni

Penso che avrete capito che si tratta di un gioco da non avere nella propria collezione in quanto non lo intavolerete mai, ve lo posso concedere solo se siete un fan della trasmissione o siete legati a qualche vip che partecipava in quell'edizione. Invece di reiterare lo stresso gioco cambiando i personaggi sulle pedine perché non hanno fatto un gioco di ruolo dell'isola dei famosi? Io non sono molto esperta in questo campo ma penso che se facevano in modo che i partecipanti diventassero essi stessi i naufraghi e avessero una missione segreta poteva essere più interessante.

Voi avete mai giocato a questo gioco?
Cosa ne pensate?

Fatemelo sapere in un commento

Alla prossima :)

NB: tutti i link presenti nella pagina che riportano ad Amazon sono link affiliati questo vuol dire che se effettuerete un acquisto seguendo un link a voi non cambierà niente ma a noi arriverà una piccolissima percentuale che ci consentirà di portare avanti questo blog acquistano nuovi giochi. Grazie ❤️

martedì 16 aprile 2024

Hex un gioco inventato da un premio nobel

Ciao, oggi vi parlo di Hex è un gioco astratto per 2 giocatori


Inizialmente era un gioco carta e matita, infatti anche adesso si trovano dei blocchetti con differenti fogli per giocarci, un esempio lo trovate a questo link: https://amzn.to/49CViio. La prima copia fisica con di Hex uscì negli anni'40 a cura della Parker e ancora adesso si trovano differenti versioni, l'ultima è quella della Oliphante: https://www.oliphante.it/prodotto/hex/.

Prima di fare questo acquisto, se volete potete provare il gioco, al seguente link vi lascio una plancia scaricabile e stampabile che potete anche plastificare con dello scotch e scriverci con dei pennarelli per lavagna bianca o con quelli normali (in questo caso abbiate l'accortezza di cancellare subito i segni fatti, verranno via più facilmente). Così che potrete farci differenti partite senza buttare ogni volta il foglio https://www.mediafire.com/file/6yia7f6qfs47knn/Hex_board_11x11.jpg/file


Come si gioca

Hex ha un tavoliere 11x11 caselle esagonali che creano una forma romboidale. 


Ogni giocatore ha un colore, di solito bianco e nero, ma anche rosso e blu, il fine di ognuno è quello di collegare i due lati opposti del proprio colore. Per farlo a ogni turno bisogna posizionare una pedina su un esagono o in alternativa segnare un esagono con un pennarello. Non si possono mangiare i pezzi avversari e la partita non finisce mai in parità.

Un po' di storia 

Hex fu inventato dal matematico danese Piet Hein nel 1942, venne presentato durante la conferenza degli studenti nell’istituto di fisica a Copenaghen. Inizialmente si chiamava Poligon, quando arrivò negli USA venne soprannominato John o Nash perché oltre oceano è stato portato da proprio da John Nash che la giocavaa sulle piastrelle esagonali della propria università. John Nash è il protagonista del film ,prima libro, A beautiful Mind, egli trovò il bug del gioco cioè chi iniziava aveva una più alta probabilità di vincere. Tale aspetto poteva essere superato con una plancia 14x14 esagoni.

Il nome Hex (diminutivo di hexagon) benne dato dalla Parker quando venne pubblicato per la prima volta nel 1952. Il gioco interessò moltissimi matematici tanto che David Gale negli anni '70 ci scrisse un libro "Il gioco Hex e il teorema del punto fisso di Brouwer".

Esistono numerosi giochi che si ispirano a Hex alcuni sono:

  • Brigitte gioco di carta e matita 
  • Twixt di Alex Randoph

Limiti del gioco

Il gioco venne studiato da differenti studiosi ed emerse che era molto asimmetrico, cioè il primo giocatore che era favorito. 

Per evitare questo vennero proposte differenti strategie:

  • il primo giocatore non poteva occupare una casella centrale
  • la prima mossa del primo giocatore, se il secondo lo desiderava, poteva essere “rubata” 
  • la sfida non si limitava a una sola partita ma si devono fare almeno due manches in cui si invertono i ruoli

Strategie

Per vincere si possono ideare differenti strategie, quella più banale è quella dei ponti quindi porre le proprie pedine non vicine ma alternate da caselle vuote così che se una strada viene bloccata dall’avversario se ne ha subito un’altra da percorrere.


Un’altra strategia molto semplice da seguire è cercare di tagliare la strada all’avversario annullandone l’attacco, in questo modo si potrebbe anche creare una strada che porta alla vittoria.

 Conoscevate Hex? Avete mai provato la versione fisica o avete giocato solo a quella print'n'play? Fatemelo sapere in un commento.

Alla prossima!

NB: tutti i link presenti nella pagina che riportano ad Amazon sono link affiliati questo vuol dire che se effettuerete un acquisto seguendo un link a voi non cambierà niente ma a noi arriverà una piccolissima percentuale che ci consentirà di portare avanti questo blog acquistano nuovi giochi. Grazie ❤️

lunedì 1 aprile 2024

Pesce d'aprile un gioco print'n play per 2 giocatori da 4 anni in su

Ciao, mi sono accorta che sul nostro blog non abbiamo mai festeggiato il 1° aprile in cui si festeggia il pece d'aprile. Sarà che io odio ricevere e fare gli scherzi ,però, quest'anno ho deciso di ideare un piccolissimo giochino, anche un po' banale, che vi potrà allietare in questa giornata e anche nelle successive. Si chiama appunto Pesce d'aprile ed è un print 'n' play quindi potete costruirlo in un attimo basta avere 20 carte da gioco delle bustine protettive e una stampante.

A questo link trovate tutti i materiali di cui avete bisogno e anche le istruzioni:

https://www.mediafire.com/file/b2yg99te8rpt11m/pesce+d'arpile+regolamento+++carte.pdf/file

Come si gioca

Vi racconterò brevemente il gioco adatto per 2 giocatori da 4-5 anni.

Mescolate le carte e fate un mazzetto. Si tratta di un push your luck, quindi ogni giocatore potrà girare quante carte vuole fino a quando non incontra un evento che lo costringerà a fermarsi oppure decide in autonomia di non girare più carte.

Al vostro turno dovete rivelare almeno una carta e porla

  •  nel mazzetto inferiore se si tratta della parte inferiore di un animale
  • in quello superiore se ci si trova davanti alla parte superiore di un animale.

Quando si crea un animale completo, anche se bizzarro, quindi costituito da due metà che sono di animali differenti, entrambe le carte si prendono e si pongono davanti a sé.

Quando tra le carte accumulate si ottengono due metà dello stesso animale si mettono da parte queste non potranno più essere perse.

Se esce la metà di un pesce bisogna scartare 2 carte tra quelle degli animali spaiati e porle sotto al mazzo o in mezzo allo stesso e si perde il turno.




Il pesce non dovrà essere rimosso dagli scarti e si potrà coprire con le altre carte come succede in un turno normale. 

Qualora esca l'altra metà del pesce e si formerà un pesce completo il giocatore che l'ha girata perderà tutti i propri animali bizzarri e dovrà rimuovere anche il pesce. Naturalmente si passerà il turno.



Quando nel mazzo sono rimaste 4 carte e tutti gli animali sono stati accoppiati in modo corretto il gioco finisce. Chi ha più animali completi vince.

Sicuramente qualcosa da migliorare c'è in questo gioco, se lo provate e vi viene qualche idea per ottimizzarlo scrivetela in un commento.

Grazie di seguirci sempre 

Alla prossima e buon 1 aprile.