Licenza Creative Commons

venerdì 15 maggio 2020

Hulo - Dal Negro - il nostro gioco dell'estate 2020

Ciao!
Oggi vorrei parlarvi di Hulo della Dal negro un gioco di carte dedicato da 2 a 10 giocatori da 6 anni in su.
La mia idea era quella di fare un megapost con tutti i giochi che derivano da dernier ma non sono riuscita quindi se siete interessati a questo filone, vi linko qui di seguito tutte le recensioni che ho fatto a riguardo:
Vi anticipo che il mio preferito è Hulo in quanto riprende le regole di solo, che già mi era piaciuto parecchio, e inserisce tutte quelle bastardate che facciamo sempre a Uno ma che in realtà nel suo regolamento sono vietate.

Ci tengo a dire che non sono stata pagata dalla Dal Negro e ho comprato questo gioco con i miei soldi, anzi ho girato vari negozi per prenderlo a un prezzo conveniente in quanto per il momento questo blog ( e il canale youtube) ci porta solo ad avere tante richieste ma non ci dà alcun guadagno.




Se volete vedere la video recensione di questo gioco potete cliccare qui.


Contenuto della confezione e preparativi

Aprendo la confezione troverete un portacarte in plastica: grazie di cuore Dal Negro. Infatti nei giochi come Uno è un incubo ogni volta reinserire le carte e il regolamento nella scatola, invece qui si rimette tutto bene senza rovinare niente. La nuova confezione è olografica, manco a dirlo, non mi piace affatto: trovo che non si sposi per niente bene con le grafica delle carte (anche queste non mi piacciono ma ve ne parlerò dopo).


Le carte sono 120, basta mischiarle e consegnarne 6 a ogni giocatore, vi ricordo che a Uno sono 7 ma questa carta in meno vi assicuro che non farà si che le vostre partite siano più facili. Girate anche una carta dal mazzo, io di solito tolgo le carte speciali se escono ma potete anche lasciarle accollando al primo giocatore l'onere di prendere 2 o 4 carte, cambiare giro o colore, ecc.


Come si gioca

Le regole sono molto intuitive e si apprendono subito.

Il vostro fine è quello di eliminare tutte le carte che avete in mano prima degli altri.

Nel mazzo ci sono i numeri da 1 a 11 di 4 colori: blu, giallo, rosso e verde. Non apprezzo la grafica, cioè potrebbero andare bene per il blu e il verde ma nel giallo e nel rosso ci sono, rispettivamente, l'arancione e il viola che non permettono a tutti di comprendere bene di che colore si tratti e questo stile non è rispettato in tutte le carte, quella che è un pugno in un occhio per la grafica è lo stop che si discosta da tutte le altre. 
Questo unico neo, però, non inficerà il divertimento del gioco.


Potete scartare una carta numero se nel mazzo degli scarti c'è una carta del suo stesso colore o del suo stesso numero. Ad esempio se per terra c'è un 5 rosso potete scartare un sette rosso oppure un cinque giallo.
Hulo permette di scartare più di una carta numero in sequenza se queste hanno il medesimo numero. Ad esempio se sul mazzo degli scarti c'è un 8 blu potete scartare un 5 blu, perché è dello stesso colore dell' 8 e poi consecutivamente un 5 rosso e un 5 giallo. Questa cosa si può fare solo per gli stessi numeri e non per i colori. Non potete liberarvi di tutte le vostre carte rosse, ad esempio, se c'è una carta rossa.


Oltre alle carte numero ci sono quelle speciali:
  • +4 può essere buttata su qualsiasi altra carta e fa prendere al giocatore successivo 4 carte. È possibile sommare i +4, quindi se ve ne viene assegnato uno e ne avete un altro potete giocarlo e il giocatore dopo di voi dovrà pescare 8 carte.
  • Cambia colore, potete lanciare questa carta su qualunque altra e vi permette di impostare un nuovo colore.
  • +2, a differenza degli altri giochi in questo caso ci sono due tipi di +2. Quello giallo-verde e quello rosso-blu. I colori della carta indicano su che colore possono essere tirati. Dopo averli giocati si può decidere con quale dei due colori continuare. Ad esempio se tirate un +2 giallo-verde su una carta gialla poi potete impostare il verde come colore per continuare il gioco. Anche in questo caso, come per i + 4, si possono sommare.
  • Cambio carte, questa è una peculiarità di solo, giocandola, potete decidere di far scambiare le carte a due giocatori o di scambiarle voi stessi con qualcun altro in gioco.



Le carte che si possono giocare solo su un colore definito sono:
  • stop che impediscono al giocatore successivo di tirare una carta;
  • cambio giro, che, appunto, inverte il senso di gioco.


Le speciali carte di Hulo:
  • specchio, può essere giocato in risposta a una carta +, un cambia colore e un cambio giro, fa tornare l'azione a chi ha lanciato la carta e di conseguenza cambia anche il normale giro;
  • carta gold, ce ne sono solo due nel mazzo, quando viene giocata tutti i giocatori pescano 3 carte tranne chi l'ha tirata. In seguito viene tolta dalla partita.



Se al vostro turno non avete carte da lanciare dovete prendere una carta dal mazzo se vi esce qualcosa di utile potete scartarla subito altrimenti dovete passare.

Regola fondamentale è quella di dire "Hulo" quando rimanete con una sola carta in mano. Se non lo fate dovete pescare 2 carte dal mazzo. Mo ditemi un po' voi perché mai sto gioco si chiama Hulo se non per far sbagliare le persone che diranno "culo"?

Naturalmente a Hulo si può giocare anche con il punteggio, chi perdere somma i punti delle proprie carte, chi arriva a 300 esce dal gioco, l'unico che rimane sarà il vincitore.

Fatemi sapere se avete provato questo gioco e cosa ne pensate anche rispetto a Uno e Solo.

Alla prossima :)


domenica 10 maggio 2020

Dos - Mattel

Ciao!
Oggi vi parlo di Dos della Mattel, si tratta di un gioco adatto da 2 a 4 giocatori da 8 anni in su.

Se ne volete vedere la video recensione potete trovarla qui.





Anche se è stato molto pubblicizzato come il "seguito" di Uno (è scritto anche sulla confezione) non c'entra proprio niente con questo gioco né come meccaniche né come pubblico a cui è dedicato, infatti se lo comprate per questo motivo potreste rimanerci davvero male. Forse la Mattel ha capito il suo errore e dopo un iniziale battage pubblicitario anche in rete ha deciso di puntare piuttosto su altre versioni di Uno, gioco a cui il pubblico era già abituato

Contenuto della confezione e preparativi

Nella confezione c'è un regolamento e un mazzo da 108 carte

Prima di cominciare consegnate 7 carte ad ogni giocatore e giratene 2, sì avrete ben 2 "mazzi" di scarto". Mi auguro che questo sia il motivo per il quale hanno chiamato questo gioco dos in quanto è un po' insensato urlare dos quando rimangono 2 carte in mano.


Le carte sono di 4 colori: rosso, giallo, blu e verde e hanno stampati i numeri dall' 1 al 10. 
Naturalmente ci sono anche delle carte speciali:
  • il 2 a sfondo nero. In realtà questi sono gli unici 2 presenti nel mazzo non ci sono quelli dei singoli colori. Questi possono essere considerati dei jolly e valgono qualsiasi colore anche se mantengono sempre il loro valore di 2;
  • i # (cancelletti o hashtag) indicano "numero" quindi possono valere qualsiasi umero, questi però hanno un colore predefinito.

Come si gioca

Dos è un gioco riflessivo e di strategia non c'entra niente con il caciarone Uno.

Al vostro turno potete fare una o entrambe queste azioni:
  • scartare UNA carta che avete in mano che ha il valore uguale a una dei due scarti;
  • scartare DUE carte che sommate hanno il valore di uno dei due scarti.
Una volta fatto questo abbinamento le carte accoppiate vengono rimosse dalla plancia e accatastate ad un lato del piano di gioco e sostituite con altre due carte. Questa sostituzione avviene solo se sul piano di gioco ci sono meno di due mazzetti di scarto.




Infatti si può aumentare il numero di carte sul tavolo se si creano delle combinazioni bonus. In questo caso oltre al numero dovete tener conto anche del colore.
  • Creano duna combinazione con una carta dello stesso colore potrete aggiungere un'ulteriore carta a quelle presenti sul piano da gioco alla fine del vostro turno;
  • creando una combinazione con due carte dello stesso colore rispetto a quella scartata potrete aggiungere un ulteriore carta a quelle presenti sul piano da gioco alla fine del vostro turno e far prendere a tutti gli altri giocatori una carta dal mazzo.
Naturalmente potete creare anche delle combinazioni con delle carte speciali.




Se non avete niente da gettare pescate una carta: se la potete mettere scartatela sul mazzetto corrispondente, altrimenti aggiungete una carta della vostra mano a quelle che sono sul piano di gioco. Come potete vedere questa può essere una strategia per cercare di creare delle combinazioni vincenti.

Naturalmente quando vi rimangono 2 carte in mano dovete gridare dos e se ve ne dimenticate e lo grida l'avversario dovete pescare due carte, regola davvero molto inutile non in linea per niente con questo gioco a mio parere.

Naturalmente il vincitore sarà colui che finisce per primo le carte.

Mi è piaciuto questo gioco? Non tanto in realtà, ogni volta che ci gioco mi sembra di non aver capito bene qualcosa, mi lascia sempre un po' interdetta anche se non posso dire che sia un brutto gioco. È spiegato anche bene ma ho sempre la sensazione che non abbia compreso delle regole o mi sfugga qualcosa.

Se avete un'opinione differente dalla mia condividetela con un commento.

Alla prossima :)

sabato 18 aprile 2020

Mini Inkognito - Venice Connection - 1996

Ciao!
Oggi vi parlo di Inkognito Mini pubblicato inizialmente dalla Venice Connection ma oggi si può trovare edito anche da altre case editrici. Il gioco risale al 1996 quindi è stato pubblicato dopo il suo fratello più grande Inkognito, sempre dagli stessi autori Alex Randolph e Leo Colovini. È adatto da 2 a 5 giocatori da 10 anni in su.



Ho visto che in rete che vari recensori ne parlano e non capisco perché hanno scelto proprio questo tra tanti giochi "vintage", sarà l'influsso di Alex Randolph? O qualche altra cosa che a me non è chiara perché a me questo gioco non è piaciuto per niente.

Ne parlo con molta difficoltà per vari motivi:
  • a mio parere è molto difficile spiegarlo anche se il gioco di per sè è semplice;
  • se ci giocate in 2, 3, 4 o 5 giocatori affrontate regolamenti quasi completamente differenti tra loro;
  • la scatola non mi piace, sembra uno di quei giochi che uscivano dall'edicola anche se, devo dire, tutti quelli della Venice Connection hanno questa forma piccola e quadrata;
  • è mini ma assolutamente non è un gioco da viaggio, qual è il motivo, allora, di avere un gioco piccolo. Come ho potuto vedere infatti l'hanno chiamato ultimamente Inkognito card.
Come sempre se qualcuno di voi è un super fan di mini Inkognito e sa rispondere a una o più perplessità che ho mi farebbe piacere ascoltare le sue parole per ricredermi.

Se volete vedere la video recensione ve la lascio qui.


Contenuto della confezione

Nella scatola ci sono soprattutto carte, per me somiglia molto a Cluedo Suspect, o forse devo dire che Cluedo suspect si assomiglia a questo e infatti entrambi creano molte difficoltà nel capire come dividere le carte all'inizio. 
Dopo aver superato questo primo scoglio ho capito la scelta stilistica e quindi vi posso illustrare i materiali; questi sono formati da 5 set di carte di vari colori (nero, verde, azzurro, giallo e rosa) costituiti da:
  • 4 carte località (San giorgio, San Marco, Ponte dei Sospiri, Salute) con il retro blu (tutte le altre lo hanno verde); 
  • 4 carte personaggi (Colonnello Bubble, Lord Fiddelbottom , Madam Zsa Zsa e Agent X);
  • 4 carte numeri (52, 11, 29, 0).
C'è anche un blocchetto, delle cartelline, il cartoncino del telefono e naturalmente il regolamento che consulterete spesso.


Preparativi

Prima di cominciare a ognuno viene dato un set di carte (non quelle nere), una cartellina, una penna (non compresa nella confezione) e un foglietto dove segnare gli indizi. Poi a ognuno si distribuiscono coperte:

  • una carta nera di un personaggio (questo sarà il vostro alter ego);
  • una carta nera di un numero. 
Mi raccomando non fatele vedere a nessuno e segnate i vostri indizi sul vostro foglietto messo nella cartellina. Lo scopo del gioco è quello di indovinare le varie combinazioni numero personaggio per ricostruire un numero di telefono. 


Gioco classico per 4

Il gioco originariamente era stato pensato per 4 persone, come del resto anche Inkognito, allora perché fare tantissime varianti che ti costringono ogni volta a riprendere le istruzioni e consultarle? Vabbè basta polemiche.
Dovete sapere che a Venezia durante il carnevale ci sono un sacco di misteri e due coppie di agenti indagano per risolverli, in particolare queste sono costituite da:
  • Madame Zsa Zsa (Z) e Agent X (X)
  • Colonnello Bubble (B) e Lord Fiddelbottom (F)


Si procede così: a turno ognuno mette coperta davanti a sé una carta di una località, anche l'ambasciatore lo fa, le sue sono le carte nere. Questo è un personaggio fantasma quindi le sue carte si gireranno a caso. Una volta giocata una carta non si riprende in mano ma si mette da parte, si possono riprendere solo quando si sono giocate tutte.
Se:
  • 2 agenti vanno nello stesso posto essi si scambiano due carte del proprio colore non quelle nere, una vera e una falsa;
  • l'ambasciatore e un agente si incontrano, il secondo questo potrà chiedere a qualunque giocatore di mostrargli una carta nera.
Da questi indizi che devono essere sempre differenti si deve arrivare alla soluzione e trovare anche il proprio compagno. Quando si è convinti del numero trovato ci si deve incontrare nello stesso luogo con il proprio socio e afferrare il cartoncino con la cornetta del telefono, un materiale di gioco indispensabile devo dire...-.-'

Si può giocare anche a punti in quanto una partita non dura molto. In questo caso chi vince, entrambi i giocatori della coppia, segnano un punto, chi raggiunge prima 3 punti vince

Gioco per 3 con il morto

In questa variante ognuno gioca per conto suo, il quarto giocatore sarà il "morto" si gireranno le sue carte luogo a caso, come si fa per l'ambasciatore. In questo caso gli incontri con un altro agente o con l'ambasciatore si svolgono allo stesso modo visto prima invece incontri con l'agente fantasma permettono di vedere una delle sue due carte nere. 


Per dire la soluzione basta che vi incontrate con qualcuno nello stesso posto e il gioco è fatto.

Gioco per 5, partecipa anche l'ambasciatore

In questo caso l'ambasciatore è interpretato da un giocatore fisico che riceverà due foglietti perché dovrà segnare gli indizi di 4 giocatori e non di 3 (questa cosa non la tollero perché è scomoda e si sprecano i foglietti). Ognuno scopre una carta luogo e si possono avere vari incontri:
  • agente agente, dovranno mostrarsi a vicenda una carta vera e una falsa tra quelle del proprio mazzo non quelle nere;
  • agente ambasciatore, il primo vedrà una carta nera di un altro giocatore a scelta e questa la vedrà anche l'ambasciatore;
  • ambasciatore e due agenti, solo il primo riceverà informazioni infatti potrà vedere da ogni agente una carta vera e una falsa del proprio colore non quelle nere.
Quando si trova la soluzione occorre incontrarsi qualcuno a caso e spifferatela a tutti.

Gioco per 2: tutta un'altra storia

Il libretto delle istruzioni la definisce una variante interessante...bha. In questo caso un giocatore fa l'ambasciatore e l'altro fa un agente questo deve mettere le sue carte nere scoperte davanti a sé mentre gli altri le tengono coperte.
In questo caso ci saranno ben 3 giocatori fantasma i cui mazzetti delle località dovranno essere girati al buio.
In questo caso si possono incontrare:
  • ambasciatore e agente giocatore, il primo guarda una carta nera da un agente a piacimento;
  • agente-giocatore e agente non in gioco, il primo guarda una carta nera del secondo.
Anche in questo caso dovete incontrare qualcuno e dire il numero di telefono trovato.

Come vi ho già accennato questo gioco non mi è piaciuto molto ha troppe regole, è poco pratico ed è macchinoso, se si vuole giocare a qualcosa di spionaggio io sceglierei diecimila volte Cluedo invece che questo.
In ogni modo fatemi sapere cosa ne pensate.

Alla prossima :)

venerdì 3 aprile 2020

12 Giochi da fare con quello che hai a casa

Ciao,
purtroppo siamo rinchiusi a casa da più di un mese ma sono sicura che per passare il tempo tutti voi avete intavolato bellissime partite a dei giochi da tavolo che avevate accantonato da tempo con i vostri familiari. Se non li avete qui di seguito vi do qualche idea per giocare e divertirvi con ciò che avete a casa. Vi segnalerò anche quei passatempi che possono essere fatti da lontano, quindi potete anche chiamare un vostro amico e giocare via telefono o video chiamata.

Se non vi va di leggere qui il video dove vi mostriamo tutti alcuni di questi giochi.


Fiori frutta e città (ci si può giocare anche a distanza)


Questo gioco non ha bisogno di presentazioni sono sicura che tutti ci avrete e giocato a scuola quando c'era supplenza o quando la noia vi toglieva. Sapevate che con lo stesso principio si gioca anche a saltinemente? Fiori, frutta e città lo potete fare da due a tanti giocatori ed è adatto per tutte le età.
Dividete un foglietto in colonne e scegliete delle categorie, quelle che vi suggerisce il nome del gioco sono appunto fiori, frutta e città ma voi potete sbizzarrirvi scrivendo anche personaggi della TV, marche, dolci, ecc. 
Su un foglio a parte scrivete tutte le lettere dell'alfabeto sparse e poi chiudendo gli occhi indicatene una con una penna. Tutti dovranno compilare la tabella con parole che iniziano per quella lettera. Potete decidere a piacimento il tempo da dare. Alla fine si conta il punteggio: 5 per ogni parola che hanno scritto minimo 2 giocatori, 10 se quel termine l'ha pensato un unico partecipante e ben 20 punti se tutti gli altri hanno lasciato una casella vuota.

Il gioco dei quadratini


Nel video chiamiamo questo passatempo il gioco di Mariassunta perché è stata proprio la zia di Po che si chiama così a farmelo conoscere. Dovete disegnare su un foglio a quadretti un quadrato in obliquo come potete vedere in foto, deciderete voi la sua ampiezza. A turno dopo aver assegnato due angoli a ciascun giocatore, infatti si può giocare solo in due, si cominciano a fare dei trattini in orizzontale o verticale dell'altezza di un quadretto. Proseguendo nel gioco vi renderete conto che dovrete per forza unire due di questi trattini formando una L, poi dovrete creare delle forme a U e chi riesce a chiudere un quadratino ci mette dentro il suo simbolo (X o O) e ha un'altra mossa. Alla fine si contano i simboli chi ne ha di più sarà proclamato vincitore!


Il gioco delle storielle pazze


Anche questo gioco nel video lo abbiamo chiamato con il nome di colei che l'ha portato nel nostro gruppo, cioè Ph, il soprannome di una mia amica. Su tratta di un giochino che vi farà fare tante risate. Date un foglietto e una penna a ciascuno potete giocarci in quanti volete, più siete e più vi divertirete. A ogni turno dovete scrivere:
  1. il nome di lei
  2. il nome di lui
  3. dove sono
  4. cosa fanno
  5. cosa dice lei
  6. cosa dice lui
  7. cosa dice la gente
Quindi al primo turno tutti scriveranno un nome di donna, piegheranno il foglietto in modo tale da non permettere che il nome possa essere letto e lo passeranno a chi è seduto alla propria sinistra. Poi scriveranno il nome di un uomo e passeranno il foglietto dopo averlo piegato. Il gioco va avanti così fino a quando non si arriva al settimo punto. Quindi ognuno lo apre e si legge la storiella. Mi raccomando attivate la fantasia quando compilate i vari campi.

Shangai


Shangai è un classico, è quel gioco di pazienza e nervi saldi in cui bisogna sollevare un bastoncino senza far muovere gli altri. Se non lo avete a casa potete usare gli stuzzicadenti lunghi e magari decorarli prima della partita assegnando a ciascuno di loro un punteggio. Iniziate la partita sparpagliandoli casualmente sul tavolo, al proprio turno ognuno cerca di prelevarne uno senza spostare gli altri se ci riesce ha un'altra mossa. Passa il turno finché non sbaglia. Alla fine si contano i bastoncini che ognuno ha conquistato o si conta il loro punteggio.

Yahtzee (ci si può giocare anche a distanza)

Yahtzee è un gioco di dadi che fino a questa quarantena avevo proprio cercato di evitare in tutti i modi invece un video, non nostro, me l'ha fatto amare quindi non ci sprecherò altre parole sopra ma vi lascerò solo il link del video: https://www.youtube.com/watch?v=MM1DWgl6l44

Perudo

Anche Perudo è un gioco di dadi qui ce ne vogliono molti di più di yahtzee ogni giocatore deve averne 5 quindi o siete dei collezionisti di dadi, o saccheggiate tutti i vostri giochi da tavolo oppure ancora potete usare l'app dei dadi sullo smartphone. Per le regole vi rimando al post dedicato.


Il gioco dei triangoli


In questo gioco dovete preventivamente disegnare dei puntini su un foglio con la penna, sparpagliateli quanto più potete. In secondo luogo i giocatori li dovranno unire e come per il gioco dei quadratini ben presto si arriverà ad un punto in cui si devono necessariamente unire più lineette favorendo l'avversario nella formazione di un triangolo. Chi ne chiude uno lo contrassegnerà con la propria iniziale. Quando non c'è più modo di creare triangoli si contano le lettere e chi ne avrà di più sarà il vincitore. Io ci gioco sempre in 2 ma non è escluso che si possano coinvolgere più giocatori.


Il gioco dei pupazzi pazzi


Io faccio questo gioco sempre se ci sono dei bambini a cui piace disegnare. Preventivamente dovete preparare dei foglietti con una silhouette di una persona molto schematica e piegarlo in corrispondenza della testa della vita e delle ginocchia. Si tratta di un gioco simile a quello delle storielle pazze solo che in questo caso si disegna, a ogni step toccherà disegnare la testa il busto le gambe o i piedi del personaggio senza vedere cosa ha fatto l'avversario.


Master Mind (di si può giocare anche a distanza)


Se non sapete cosa sia Master Mind potete farvi un ripasso leggendo la nostra vecchia recensione: https://lasoffittadilaalaaepo.blogspot.com/2015/10/mister-mind-1972-invicta.html?m=0
Quello che vi propongo si fa con i numeri, è ispirato a un vecchio gioco elettronico che appunto non permetteva di indovinare combinazioni di colori ma di cifre. Iniziate con quelle facili: un giocatore ideerà una sequenza di 4 cifre comprese tra 1 a 6 e l'altro cercherà di indovinarle. Dopo ogni tentativo l'altro giocatore assegnerà una X per ogni numero azzeccato ma che si trova in una posizione non corretta la O, invece dice che ha indovinato sia il numero che la posizione. Quando siete diventati abili potete passare alle sequenze di 5 numeri scelti tra 1 e 9.


Battaglia navale (ci si può giocare anche a distanza)


La battaglia navale è un altro gioco storico, ne hanno fatto una marea di versioni noi ancora non ci facciamo tentare da nessuno dei modelli che abbiamo trovato nei mercatini. Pensiamo che la versione con la carta abbia ancora il suo fascino.
Dovete creare due griglie deciderete voi l'ampiezza, potete farle 15 x 15 quadretti o anche 10 x 10. Nominate le file con delle lettere e le colonne con dei numeri per dare più agevolmente le coordinate. Posizionate quindi le imbarcazione anche qui siete liberi se metterne 1 da 5, 2 da 4, 3 da 3 e così via. 
Poi si comincia i colpi che sparerete voi li scriverete nello schema vuoto e quelli del vostro avversario nello schema dove sono le vostre navi così da controllare se queste vengono colpite o meno. Ricordatevi che l'avversario può continuare a sparare fino a quando riesce a beccare imbarcazioni.


Tris


Il tris anche è una pietra miliare dei giochi da fare quando ci si annoia. Lo so non ci vuole molta abilità ma può far passare dei bei momenti ai bambini. Create un grande hashtag è il vostro piano di gioco, Ognuno al proprio turno mette una X o un O a seconda di quale simbolo ha scelto. Ci riesce ad affilarne 3 vince. La maggior parte delle volte le partite però finiscono in parità.


Il quadrato dei numeri (solitario)


Questo è un gioco che mi ha dato molto da fare per risolverlo, ci ho messo all'incirca 6 mesi, non mi ci esercitavo tutti i giorni ma quasi XD. Dovete fare un quadrato 10 x 10 e sistemarci i numeri da 1 a 100, le regole da seguire sono di saltare due caselle se vi spostate in orizzontale e in verticale e una sola se andate in diagonale. Se riuscite a risolverlo fatemelo sapere ;)

sabato 21 marzo 2020

Saltinmente - Hasbro/MB/Parker

Ciao!
Oggi vi parlo di un classico si tratta di Saltinmente distribuito dalla Parker, Mb e Hasbro.
E' adatto da 2 giocatori in su, originariamente era da 2 a 6, ma ci potete giocare anche in squadre; la confezione lo consiglia da 12 anni in su.

Se ne volete vedere la video recensione la trovate qui.





Io l'ho così idealizzato che quando ci ho giocato sono rimasta delusa, chissà che mi credevo invece è un semplice fiori frutta e città un po' più di lusso.
Questa recensione sarà un suicidio visto che nella mia scatola che ho acquistato non c'erano e istruzioni quindi vado a braccio, ho letto qualcosa in rete spero che sia tutto esatto.

Contenuto della confezione

Nella scatola troverete moltissime cose la maggior parte delle quali serve a far lievitare il prezzo del gioco perché se ne potrebbe fare a meno:
  • 4 o 6 cartelline dove mettere i blocchetti e le liste per evitare che gli altri sbircino;
  • un cronometro elettronico o una clessidra;
  • dei blocchetti e delle matite;
  • un pezzo di cartone, questo per me è proprio inutile;
  • un dado con 26 facce perché contiene non solo le lettere dell'alfabeto italiane ma anche quelle straniere che devo dire sono del tutto inutili in quanto se escono sicuro le rilancerete.




Preparativi

Prima d'iniziare scegliete su quale lista giocare, nel mio gioco ce ne sono 12 di 4 colori differenti, per i diversi concorrenti o le squadre. Da come ho potuto leggere in altre versioni ce ne sono 6 copie e le categorie possono anche essere 18. Dicevo si sceglie la lista costituita da 12 categorie più una speciale.

Ognuno pone la scheda e un foglietto o tutto il blocchetto, che ha 3 colonne (una per ogni manche), dentro la cartellina. Si fornisce anche una penna o una matita.


Come si gioca

La squadra o il giocatore di turno tirano il dado sull'apposito cartoncino altrimenti vi potrebbe sfondare il tavolo XD per decidere la lettera della manche. Ora non so se gli esemplari con la clessidra o il minutiere meccanico avevano lo stesso tempo per tutte le manche ma nel mio c'è un dispositivo elettronico che dietro ha una levetta che permette di selezionare tre tempi:
  • nella prima sfida selezionate le tre palline e avrete un tempo di 3 minuti;
  • nella seconda manche dovete selezionare le due palline, circa 2,5 minuti;
  • nella terza mettete la levetta su una sola pallina e avrete 2 minuti.




Dicevo, nella prima manche si tira il dado e tutti dovranno scrivere un nome per ogni categoria che inizia per la lettera uscita. Se qualcuno le finisce prima del tempo anche gli altri dovranno smettere di scrivere. Quindi si procede al conto del punteggio:

  • ogni parola considerata valida che non ha scritto nessun altro vale 2 punti
  • ogni parola considerata valida che ha scritto un altro giocatore vale 1 punto
  • se non si è scritto niente si segna 0.
Una regola speciale è che se scrivere una persona con il nome e il cognome con la lettera uscita, ad esempio Mia Martini il punteggio è raddoppiato, se nessuno l'ha scritto non sarà più 2 ma 4.

Se avete qualche altra regola per quanto riguarda il calcolo del punteggio siate gentili e indicatemela nei commenti:)

La seconda manche si svolge allo stesso modo della prima ma con meno tempo, quella che cambia è la terza. Infatti su ogni scheda c'è una categoria speciale, nell'ultimo turno ci si sfiderà proprio su questa cercando di scrivere più parole possibili che vi appartengono.

La forza di questo gioco sta nella fantasia dei giocatori in quanto le categorie sono varie e permettono di scrivere delle cose molto assurde, il limite sta nel fatto che se ci giocate spesso potrete già sapere cosa scrivere e non lo troverete poi così divertente.

Se anche voi avete Saltinmente e vi piace scrivete un commento. Fatemi sapere anche se usate qualche regola che non ho citato.

Alla prossima.

sabato 14 marzo 2020

Snorta deluxe - Mattel - 2009

Ciao,
oggi vi parlerò di Snorta deluxe un party game della Mattel non molto vecchio, infatti risale al 2009, è adatto da 8 anni in su per 4-8 giocatori.  
Dalla copertina vi potrà sembrare un gioco meramente da bambini infatti ci sono gli animali della fattoria e aprendo la scatola questa idea si rinforza infatti è pieno di stalle e pupazzetti, ma non è così.



In barba all'aspetto Snorta Deluxe è un gioco adatto anche agli adulti che si faranno grandi risate nel dover riprodurre i versi degli animali, ma partiamo dall'inizio con una logica. 
Esiste anche uno Snorta non deluxe questo ha solo le carte nella confezione infatti le stalle e gli animali, come vi descriverò a breve sono solo per fare scena, potevano benissimo essere sostituiti da carte. Sì, forse avrei preferito questa versione più "adulta" ma il mio radar caccia giochi mi ha fatto trovare questo, volete sapere come? Guardate la video-recensione in cui vi raccontiamo tutto.


Contenuto della confezione

Come vi ho accennato nella scatola molto colorata, ci sono dei divisori molto utili che contengono:
  • un mazzo di carte;
  • un sacchetto con 12 simpatici animali in plastica;
  • 8 stalle con silos;
  • istruzioni in differenti lingue molto comprensibili.





Preparativi

Prima di iniziare una partita considerate il numero dei giocatori che si sfideranno infatti:
  • da 7 a 8 giocatori usate tutte le carte degli animali;
  • da 5 a 6 toglietene una serie;
  • in 4 togliete due serie.

Consegnate una stalla a ciascuno, questa deve essere posizionata con la porta verso il giocatore in modo tale che gli altri non ne possano vedere il contenuto. Mischiate la carte e distribuitene una a testa formando davanti ad ogni concorrente un mazzetto coperto. Ognuno pesca dal sacchetto un animale e lo posiziona vicino alla stalla.
Vi consiglio di giocare intorno ad un tavolo tondo o quadrato in quanto per la buona riuscita del gioco è importante che riusciate a vedere le carte di ogni giocatore, infatti per me il gioco dà il meglio di sé con 5 o massimo 6 persone.

Come si gioca

Prima d'iniziare ognuno fa il verso del proprio animale e lo dispone nella stalla facendo sì che gli altri non possano vederlo. Poi, a turno, ognuno gira una carta davanti a sé creando un altro mazzetto vicino a quello coperto. E' importante che le carte si voltino verso l'esterno in modo che tutti le vedano allo stesso momento. Questo gioco infatti mi fa pensare un po' ad halli galli.






Quando su due mazzetti diversi appaiono due carte uguali il gioco si blocca. I due giocatori si sfidano a chi dice prima il nome dell'animale che sta nella stalla dell' altro. Bisogna avere una memoria allenata per ricordarsi chi ha chi. Il primo che fa il verso giusto darà in regalo le carte scoperte all'avversario che le userà per incrementare il suo mazzetto coperto.

Una carta interessante presente nel mazzo, io ce ne avrei messe almeno 3 e non una sola, è quella che permette di cambiare animale. Chi la ruota dovrà rimettere la propria bestia nel sacchetto e pescarne un'altra fare il verso e mettendola nella stalla, questo destabilizzerà non poco la memoria degli altri giocatori che potrebbero più facilmente commettere degli errori.


Si continua così fino a quando un giocatore finisce le carte, sarà lui il vincitore.

Impressioni

Dopo l'entusiasmo iniziale qualcosa è andato storto, la partita che abbiamo messo su in 8 dopo un ora ancora non finiva, questo potrebbe essere un difetto per un party game, dopo un po' ci si annoia e non si prova più interesse per il gioco. Il fatto di dover stare raccolti attorno a un tavolo ristretto è un problema che già vi ho segnalato e l'ultima cosa che voglio dirvi è un mio dubbio personale: ma per quale recondito motivo il gioco si chiama Snorta?

Grazie per aver letto questa recensione alla prossima :)