Licenza Creative Commons

venerdì 18 gennaio 2019

Sushizock -Giochi uniti

Ciao!
Oggi vi parlo di Sushizock  un gioco edito in Italia dalla Giochi Uniti, ideato da Renine Knizia e adatto da 2 a 5 giocatori da 8 anni in su.

E' un po' insolito che parli di un gioco simile in questo blog, in quanto mi occupo specialmente di giochi un po' vecchiotti con una dinamica "classica". Un altro cosa bizzarra è che Sushizock fa parte di una serie, in particolare, è il secondo capitolo di una saga, e io lo racconto senza aver mai giocato al primo, che è conosciuto in Italia con il nome:"il verme è tratto". È come se parlassi di Ghostbusters 2 senza aver visto il primo, potrei tesserne le lodi non sapendo mai che, in realtà, il capostipite e ancora più bello.



Sono venuta in possesso di questo gioco perché una ludoteca della mia città, purtroppo, ha chiuso e nell'ultimo periodo ha venduto molti giochi Io ho deciso di prendere solo quelli usati perché i giochi nuovi a volte mi mettono in soggezione, chissà se saprò giocarli?, mi chiedo sempre. Invece quelli che già sono passati sotto a mani più o meno esperte possono riuscire anche da soli a portare aventi una partita, sono loro che ti guidano quando sei un po' nel dubbio.

A parte le mie elucubrazioni mentali è successo che una volta che siamo andati con Po in questa ludoteca e, essendo io attratta dai giochi con una piccola scatola e con pochi materiali di gioco, perché penso che sia più difficile fare un bel gioco con poche cose, ho deciso di provarlo. Mi è piaciuto molto anche perché amo i passatempo che si basano su una regola geniale su cui si fonda tutta la partita e non ho voglia di leggere manualoni immensi.

Se volete vedere la video recensione di sushizock la lascio qui.



Contenuto della confezione

Nella confezione ci sono delle tessere come quelle del domino di una plastica molto bella al tatto, sono di due serie differenti:

  •  quelle con il sushi freschissimo, ancora vivo e i punti positivi, il tutto di colore blu;
  •  quelle con il sushi marcio e punti negativi, di colore rosso.

Inoltre ci sono 5 dadi. Sulle loro facce sono riportati i simboli:

  • del sushi fresco 
  • di quello marcio
  • delle bacchette rosse
  • delle bacchette blu


Preparativi

Prima di cominciare sistemate le tessere casualmente in due file ci sarà quella con il sushi fresco e quella con il sushi marcio.

Come si gioca

L'ambientazione del gioco si può comprendere a pieno solo se si è giocato al capitolo precedente, il verme è tratto, come accennato anche in precedenza. In questo gioco  c'erano pennuti di vario genere che si contendevano dei vermi. In Sushizock, invece, gli stessi uccelli capiscono che possono anche mangiare altro e optano per il sushi.

Il libretto delle istruzioni è fenomenale spiegato bene con tanti esempi e anche una sottile ironia.

A turno ogni giocatore tira i dadi. Ha a disposizione 3 tiri entro i quali deve riuscire a ottenere una combinazione di dadi che lo soddisfa o che gli permetta di fare qualche azione. Non deve per forza effettuare tutti i tiri, può fermarsi quando vuole, è bene sottolineare che a ogni tiro, però, deve mettere da parte almeno un dado che concorrerà alla formazione della combinazione finale, insieme agli altri.

Si può decidere di pescare:

  • dalla fila del sushi fresco, se esce almeno un simbolo corrispondente;
  • dalla fila del sushi marcio, se esce almeno un simbolo corrispondente;

Se, dopo un tiro, ad esempio, escono 3 lische di pesce rosse si dovrà prendere la terza lisca,a partire da sinistra nella fila del sushi marcio, lo stesso vale per il sushi fresco.



Per quando riguarda le bacchette combinazioni di 3 bacchette blu permettono di rubare a qualsiasi avversario il primo pezzo di sushi buono dalla sua pila, per combinazioni superiori a 3 si può scegliere qualunque pezzo.
Combinazioni di 3 bacchette rosse permettono di rubare a qualsiasi avversario il primo pezzo di sushi marcio dalla sua pila, per combinazioni superiori di 3 si può scegliere qualunque pezzo.

I sushi freschi e quelli marci devono essere posti davanti a se in due pile affiancate.



Ora vi starete chiedendo ma perché si devono prendere anche i sushi marci se ha danno punti negativi?

Perché nella fase finale, quando si effettua il conteggio dei punti si dovranno affiancare tutte le tessere e i sushi buoni varranno solamente se sono affiancati da una tessera di sushi marcio, tutte quelle che si troveranno sole saranno scartate, mentre, il sushi marcio varrà sempre anche se supera la pila del sushi buono.
In questo caso il -3 verrà contato nel punteggio finale

In questo caso il +5 non verrà contato nel punteggio finale

Fine partita

La partita termina quando non ci sono più pezzi di sushi sul tavolo, nel caso non possiate pescare niente con la vostra combinazione di dadi dovete pescare il pezzo di sushi peggiore: quello marcio del punteggio più altro, se questi sono finiti quello buono del punteggio più basso.

Contate i punti, eliminando le eventuali tessere non valide, come visto nello scorso paragrafo e sommando i punti positivi con quelli negativi, chi ne accumulerà di più sarà il vincitore.

Impressioni

Anche se fino ad ora tutte le persone che hanno giocato con me a questo gioco non hanno apprezzato affatto Sushizock dicendo che era banale o che non lo capivano, io lo trovo divertente e un buon mix tra fortuna e strategia.
Io, in realtà, uso sempre la stessa tattica: mi carico di quanti più sushi buoni posso e poi, verso la fine, comincio a prendere quello marcio e, tutte le volte che mi capita l'occasione, rubo sushi agli avversari soprattutto quando hanno il pezzo che vale +6.

Se anche voi avete giocato a questo gioco fatemi sapere che ne pensate.

Alla prossima :)

Nessun commento:

Posta un commento