giovedì 4 febbraio 2016

Gira la moda-MB - 1990

Ciao!
Oggi vi parlerò di un gioco TOP degli anni '90 si tratta di gira la moda edito dalla MB non si sa precisamente l'anno perchè sulla confezione ne sono riportati diversi 1987-1990-1991, é un gioco adatto da 5 anni in su.
Se ne volete vedere la video recensione potete cliccare qui.

Non si tratta di un gioco da tavolo anche se l'aspetto è proprio quello, cioè ha una scatola rettangolare che si impila perfettamente con gli altri giochi da tavolo ma all'interno c'è un semplice giocattolo che permette di realizzare modelli, anzi modelle che possono essere impiegate per fare una sfilata di moda.
Ora che mi viene in mente perchè non ne hanno creato anche un gioco da tavolo? Vedendo vecchie pubblicità su internet e sfogliando i mini cataloghi presenti nei giochi ho scoperto l'esistenza di un gioco basato sulla moda (si chiama proprio sfilata di moda) della line ragazze in gamba della Clementoni che non conosco quindi non so se abbia qualcosa in comune con gira la moda.

Comunque gira la moda era un must di quando facevo le elementari, a me piaceva tantissimo, peccato che quando me l'hanno regalato dopo poco sia uscita la versione potenziata in cui si potevano girare le varie sezioni della ruota per avere il doppio di modelli ed inoltre era presente una passerella per far sfilare i vari vestiti.




Gira la moda è un gioco che si basa su un principio super semplice  quindi è difficile che si rompa, al massimo possono finire i mitici gessetti della moda che si inseriscono nel affare giallo, utili per ripassare i modelli, ma potete ovviare a ciò utilizzando un semplice gessetto nero.

Nella scatola troverete: 
  • una ruota della moda;
  • un paio di forbici, che io ho capito solo dopo degli anni che servivano per ritagliare i modelli dopo che erano stati incollati su un cartoncino e utilizzati per la propria sfilata personale;
  • due ricambi per il gessetto della moda;
  • un set di colori di cui il rosa è davvero degno di nota, da un colore all'incarnato delle modelle quasi realistico, rispetto ai normali rosa usati dalle bambine anni novanta, nei quali si vedeva palesemente una bordatura bianca e una colorazione più pigmentata al centro.



La ruota della moda presenta tre sezioni: quella esterna fissa di color fragola, in cui sono presenti le parti basse delle modelle dotate di gonne o pantaloni,una parte centrale mobile gialla, dove sono i busti e le braccia delle modelle e una porzione mobile lilla con le teste delle mannequin.

Per realizzare la vostra mise dovrete allineare le tre parti della ruota secondo il vostro gusto girare l' attrezzo verde in modo che esso capiti proprio sul vostro modello, mettere un foglio di carta bianco sul vostro modello, ed abbassarci sopra l'arnese verde per fissare lo stesso. Infine, utilizzando il gessetto della moda, ripassare la modella e il suo abito.
I disegni sulle varie ruote, infatti, sono sporgenti e verranno ricalcati sul foglio. Il modello presenterà inevitabilmente delle sbavature o imperfezioni ma se siete decisi e non ripassate varie volte sullo stesso punto il risultato è più che accettabile.



Potete comunque decidere di ripassare le sbavature con la matita ma ricordatevi che, trattandosi di un gessetto, le linee tracciate non si cancellano se ci provate avrete una brutta macchia nera sul foglio.

Utilizzando il gioco negli ultimi anni ho deliberatamente ricalcato male le modelle, cioè senza calcare troppo, così avevo modo di cambiare sia i capelli sia la lunghezza o la foggia degli abiti.

Ora non vi resta che colorare il modello, per questo potete utilizzare le varie stoffe che intervallano le gambe e i busti, basta mettere il foglio con la vostra mise sulla trama che più vi piace e colorare la stoffa, così avrete anche una trama: a pois, con le stelle, le gocce, delle linee a zig zag, del pizzo ecc.

C'è anche la possibilità di ricalcare un cane o un gatto affianco alla vostra modella.

Spero che questa recensione abbia suscitato in voi molti ricordi del passato o incuriosito, MB ma perchè non produci più questo gioco?

Nessun commento:

Posta un commento